Girò

Vino Rosso DOC

 

Vitigno pregiato e dalle grandi potenzialità, in particolar modo per la produzione di vino da dessert. Le sue origini risalgono probabilmente alla dominazione spagnola, quando venne introdotto nel Campidano di Cagliari. Ha conosciuto la sua massima diffusione nel periodo della dominazione piemontese nel 1700 ed ha rischiato di scomparire  a causa della fillossera, nella seconda metà dell’800. Infatti come abbiamo già detto in altri post, con la distruzione della maggior parte dei vigneti a causa di questo parassita,  molti viticoltori preferirono impiantare varietà più produttive e meno problematiche del Girò. La sua coltivazione è ora limitata a ristrette aree situate principalmente nel sud dell’isola; predilige terreni calcareo-argillosi, profondi e freschi, non umidi ed un clima di tipo caldo e asciutto. Ha ottenuto il riconoscimento della Denominazione di Origine Controllata nel 1979, suscitando nuovo interesse e vivendo un periodo di grande notorietà, in quanto è uno dei pochi vini liquorosi italiani che si possano avvicinare ai noti vini spagnoli Porto e Madera. Caratterizzato da un intenso colore rosso rubino e da eleganti profumi che ricordano la confettura di ciliege, il caramello e la cotognata. Al palato è corposo e morbido, vellutato. Il suo equilibrio e la sua finezza  sono da attribuirsi alla dolcezza e alla piacevole sensazione di  calore che si percepiscono.

Il Girò di Cagliari Doc si abbina bene con i dolci, in particolare è ottimo con pasticceria a base di mandorle, crostate ai frutti rossi o frutta secca e formaggi pecorini maturi(vedi post). Va degustato in calici di media capacità a tulipano, a una temperatura di 10-12 °C. Nella versione Liquoroso, sia esso dolce o secco, va abbinato a pasticceria da forno e crostate con confetture di frutta. Il calice consigliato è quello di piccola capacità a tulipano; la temperatura ideale è fra i 12 e i 14°C.

DOC Girò di Cagliari

Vitigno: Girò min. 95%, max. 5% di altri vitigni idonei alla coltivazione nella regione Sardegna

Area di Produzione: Tutti i comuni della provincia di Cagliari e alcuni della provincia di Oristano

Resa in vino: Max. 60%

Grado alcolico: Min. 14,5° di cui 2,5° da svolgere

Tipologia: Dry 14,0° di cui 0,5° da svolgere; Liquoroso 17,5° di cui 2,5° da svolgere; Liquoroso secco 17,5° di cui 1,0° da svolgere; Liquoroso Riserva

Invecchiamento: Min. due anni di cui almeno uno in botte per la tipologia Riserva

 

Turriga Quinto Miglior Vino d’Italia

Vini di Sardegna: ecco i migliori di Bibenda e del Gambero Rosso

Vini di Sardegna: La Malvasia

Vini di Sardegna: Il Cannonau

Pin It on Pinterest

Wine Tasting - Tour of Sardinia

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti e ricevi tutte le ultime news e offerte. Per te subito uno sconto del 10% sul tuo primo ordine!

Join our mailing list to receive the latest news and updates from our team.

For you 10% discount for your first order!

 

You have Successfully Subscribed!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Info

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close